Support Our Marines!

HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Autore Topic: Chopper economici  (Letto 1005 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

nat

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 2132
Re:Chopper economici
« Risposta #15 il: 21 Aprile 2020, 21:38:57 »

;) Per chi fosse interessato allo Skrama 200 a breve dovrebbe uscire il video test dei dbk a riguardo. Così a senso non ha il manico lungo di quello originale, quindi ha meno leva, meno possibilità di prese diverse, un peso inferiore, la lama anche è più corta. Secondo me come prestazioni non ci sono dubbi che siano inferiori nel chopping, rispetto all'originale. Poi per carità, è più compatto, più maneggevole, pesa meno... qualcuno che non ha bisogno delle leve dello skrama, potrebbe preferirlo per ingombri e portabilità. Secondo me uno dei problemi è il prezzo, sono troppo vicini come prezzo, è difficile scegliere. Lo stesso problema, forse ancora peggio, l'ho avuto quando ho comprato lo jakaripuuko. Scegliere tra il 110 e il 140 è stato difficile.

Considerazioni giustissime, ma non avrei alcun dubbio, il piccolo lo vedo come un " vorrei ma non posso ".
Discorso opposto per il Pukko, da 11 tutta la vita.
Connesso
le pietre grandi.....e una birra ghiacciata

drieu

  • sgresenda
  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 3034
  • Andrea
Re:Chopper economici
« Risposta #16 il: 22 Aprile 2020, 11:06:40 »

Il Condor Warlock machete non lo conoscevo. Mi intriga parecchio  :okke:
Della Condor ho preso il mini DukuParang. Un bell'attrezzo, ma il manico è concepito per chi ha mani gigantesche. Il manico del mio l'ho dovuto assottigliare un pò.
Connesso
si hic sunt leones, ubi oves?

"scolta, toso..." (Falier)

"Essere attuali è, in fondo, una disfatta spirituale" (Emil Cioran)

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità, ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede" (Ernst Jünger)

Giave91

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 2204
  • Gianmarco
Re:Chopper economici
« Risposta #17 il: 23 Aprile 2020, 16:49:13 »

Bella roba, veramente bella e utile!

Lo Skrama mi piace un casino, al penultimo raduno ho provato quello di Claudio Nat insieme al figlio, lavora veramente bene. Lo confrontammo con il Tops El Chete, che presi da te proprio in vista del raduno. Sicuramente lo Skrama è più votato al lavoro puro, e soprattutto a stancare meno durante l'uso, per quanto anche il Tops andò benone, certo incastrava ogni tanto e stanca decisamente prima data la mole e la leva che offre.

Condivido il discorso del mini Skrama, preferisco decisamente il grande, per tutto.

Mi resta la grande curiosità per il Silky Nata.

Gli Ontario che citi, sono belle bestie da lavoro, soprattutto l'SP 50.

Zoro

  • UTENTE CONFERMATO
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 1912
Re:Chopper economici
« Risposta #18 il: 23 Aprile 2020, 22:44:26 »

L'el chete rispetto allo skrama spacca meglio, però nel chopping vince lo skrama per me, il manico è più comodo, la leva più lunga, lavora meglio e senza incastrarsi. Inoltre lo skrama non stanca per niente. l'el chete è un chopper molto interessante, sicuramente uno dei dieci più potenti che ho avuto o provato, però pesa un pò troppo e ha il manico scomodo secondo me.

La nata silky è molto interessante perchè ha un manico comodissimo e pesa un pò meno dell'el chete, quindi non stanca più di tanto, anche questa rispetto allo skrama spacca meglio ma nel chopping è un pò meno efficiente dello skrama. Thomas ce l'ha a 115 euro, un prezzo molto interessante. Poi certo, la nata, lo skrama, hanno look e finiture da utensile quasi, mentre il tops ha finiture da signor coltello, ma la sostanza e soprattutto l'acciaio ci sono senza nessun dubbio.
Connesso
Chi non ha visto il calar della notte non giuri d'inoltrarsi nelle tenebre. (Elrond)
Poiché i consigli sono doni pericolosi, anche se scambiati fra saggi, e tutte le strade possono finire in un precipizio. (Gildor)