Support Our Marines!

HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Autore Topic: [RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32  (Letto 6616 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

rfsnk

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 314
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #15 il: 23 Dicembre 2015, 16:17:53 »

Ho trovato utile la rece, grazie!

questo sembra carino...

http://www.binomania.it/anteprima-mondiale-swarovski-compact-cl-10x25/y


Bellissimo :) ma questo viaggia già oltre i 600 euro mi pare...
Connesso

Marsus

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1990
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #16 il: 23 Dicembre 2015, 17:34:02 »

ingrandimenti,pupilla d'uscita,affaticamento degli occhi etc,se non c'è la qualità delle lenti propria dei marchi austro- tedeschi i discorsi stanno a zero.Con i coltelli valgono gli Opinel e anche i cinesi,con i binocoli no.
I miglior binocoli compatti leggeri sono gli Swarowski 8x20 e 10x25,nei medi ancora va forte il classico Swarovski gommato con i prismi di porro 7x42,lo Zeiss 7x42 Dialyt è un po' più ingombrante e come il precedente,nonostante l'età,sta ancora tra i migliori in assoluto.I nuovi Swarovski con i prismi a tetto costano molto di più del classico anzicitato ,ma non credo che siano migliori per qualità visive-
tutto il resto,che sia americano o giapponese , è un contentino-

Nn mi trovi d'accordo...  A meno che tu nn pensi che anche una sportiva dal medio alto prezzo sia un contentino rispetto ad una Ferrari o una lamborghini....

Tu hai citato direttamente il top della produzione mondiale...  Io personalmente muoio dalla voglia di provare uno swaro vision, ma onestamente nn penso di trovarci differenza enormi rispetto a questo binocolo recensito.... Naturalmente sottolineando che finora uno swaroski nn lo ho provato, ma riferisco le impressioni dei massimi appassionati ed esperti del settore, facilmente consultabili online
dopo 40 anni di uso di decine di binocoli e cannocchiali per carabine e spektive,,visionati per amici a centinaia e direttamente dagli importatori -distributori tipo Bignami ,mi son fatto un'idea irreversibile,e sempre pronto ai paragoni sul campo,poi se uno si vuole accontentare-
io sono dell'idea che per spendere meno e bene bisogna andare sull'usato e a prezzi di nippo americani si prende un austro-tedesco-
Connesso

rfsnk

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 314
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #17 il: 24 Dicembre 2015, 09:45:59 »

ingrandimenti,pupilla d'uscita,affaticamento degli occhi etc,se non c'è la qualità delle lenti propria dei marchi austro- tedeschi i discorsi stanno a zero.Con i coltelli valgono gli Opinel e anche i cinesi,con i binocoli no.
I miglior binocoli compatti leggeri sono gli Swarowski 8x20 e 10x25,nei medi ancora va forte il classico Swarovski gommato con i prismi di porro 7x42,lo Zeiss 7x42 Dialyt è un po' più ingombrante e come il precedente,nonostante l'età,sta ancora tra i migliori in assoluto.I nuovi Swarovski con i prismi a tetto costano molto di più del classico anzicitato ,ma non credo che siano migliori per qualità visive-
tutto il resto,che sia americano o giapponese , è un contentino-

Nn mi trovi d'accordo...  A meno che tu nn pensi che anche una sportiva dal medio alto prezzo sia un contentino rispetto ad una Ferrari o una lamborghini....

Tu hai citato direttamente il top della produzione mondiale...  Io personalmente muoio dalla voglia di provare uno swaro vision, ma onestamente nn penso di trovarci differenza enormi rispetto a questo binocolo recensito.... Naturalmente sottolineando che finora uno swaroski nn lo ho provato, ma riferisco le impressioni dei massimi appassionati ed esperti del settore, facilmente consultabili online
dopo 40 anni di uso di decine di binocoli e cannocchiali per carabine e spektive,,visionati per amici a centinaia e direttamente dagli importatori -distributori tipo Bignami ,mi son fatto un'idea irreversibile,e sempre pronto ai paragoni sul campo,poi se uno si vuole accontentare-
io sono dell'idea che per spendere meno e bene bisogna andare sull'usato e a prezzi di nippo americani si prende un austro-tedesco-




beh, che uno si voglia accontentare è normale  :yoda: :yoda:

altrimenti tutti dovremmo vivere nel lusso più sfrenato per ogni cosa.
A cominciare dal vino che beviamo, passando per l'orologio che indossiamo,
per finire alla macchina che guidiamo e alle case in cui viviamo...

detto ciò, ti invidio per aver avuto la fortuna di seguire 40 anni
di evoluzione delle ottiche :))

io, leggendo in giro, premettendo che swaroski, zeiss e leica sono sempre i migliori,
ho notato che quasi tutti concordano che la qualità della produzione di altre marche,
negli ultimi 5 anni, è aumentata notevolmente.... e lo leggo sia qui, che nei forum di
oltreoceano....

che la qualità ottica degli austro tedeschi sia superiore, non lo metto in dubbio,
ma costano anche 3 volte tanto :)

a me sta prendendo la scimmia per questo:
http://it.swarovskioptik.com/natura/el-32-c21011002/el-8x32-green-p5222839

ma il prezzo mi freno moltissimo....


tu hai avuto modo di provare la migliore produzione nippo americana?

cmq un nikon edg non credo sia inferiore a zeiss o swaroski... anche perchè il prezzo è decisamente allineato
Connesso

Marsus

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1990
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #18 il: 24 Dicembre 2015, 12:54:49 »


cmq un nikon edg non credo sia inferiore a zeiss o swaroski... anche perchè il prezzo è decisamente allineato
per vedere le reali differenze bisogna fare prove comparative con tutti i binocoli in mano e alle stesse condizioni atmosferiche,poi la grande differenza tra le austro tedesche e le nipponiche e americane .è che le prime usano lenti minerali le altre sintetiche-
poi per avere un buon binocolo non bisogna essere ricchi, basta andare sull'usato.Il binocolo del tuo link costa anche perché è dell'ultima generazione, prendi un gommato old style hai la stessa qualità a prezzo molto inferiore-Gli ultimi modelli sono alla moda ,hanno qualche nuovo materiale ma la qualità ottica è simile-
Connesso

Fog

  • Coglione Storico
  • Moderatore globale
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 8879
  • cogito, ergo me scojono
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #19 il: 24 Dicembre 2015, 16:36:48 »

queste sono le info davvero preziose. :clap: :clap: :clap:
Connesso
la peggiore solitudine e' quella che si vive in due

Soffro, ma sti cazzi.
Preferisco mille dubbi ad una certezza
FURUKU!!!!
IO SONO KRATOS, E MO' SO CAZZI VOSTRI!

rfsnk

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 314
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #20 il: 24 Dicembre 2015, 16:41:53 »


cmq un nikon edg non credo sia inferiore a zeiss o swaroski... anche perchè il prezzo è decisamente allineato
per vedere le reali differenze bisogna fare prove comparative con tutti i binocoli in mano e alle stesse condizioni atmosferiche,poi la grande differenza tra le austro tedesche e le nipponiche e americane .è che le prime usano lenti minerali le altre sintetiche-
poi per avere un buon binocolo non bisogna essere ricchi, basta andare sull'usato.Il binocolo del tuo link costa anche perché è dell'ultima generazione, prendi un gommato old style hai la stessa qualità a prezzo molto inferiore-Gli ultimi modelli sono alla moda ,hanno qualche nuovo materiale ma la qualità ottica è simile-


ma le lenti naturali sarebbero quelle alla fluorite?
Connesso

Marsus

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1990
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #21 il: 25 Dicembre 2015, 16:05:51 »



ma le lenti naturali sarebbero quelle alla fluorite?
Se usano la fluorite come base per il cristallo non mi sono mai informato,comunque le lenti delle marche più note crucche usano il cristallo che dopo una cinquantina di lavorazioni diventa lenti,successivamente si fanno i trattamenti protettivi,anche per i raggi nocivi ai nostri occhi.Le lenti sintetiche vengono costruite come tutte le cose sintetiche,è una scorciatoia notevole e poco costosa,però la qualità finale è notevole.Le lenti minerali di qualità hanno una grande luminosità ed esenti da aberrazioni-con le ottiche di qualità puoi osservare per ore senza affaticamento degli occhi,a parte la qualità visiva-
« Ultima modifica: 25 Dicembre 2015, 16:08:02 da Marsus »
Connesso

paulk

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 17
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #22 il: 13 Febbraio 2016, 23:29:04 »

Salve, mi introduco nel dibattito.
Come si riconosce un buon usato, o, come si testa un binocolo usato prima dell'aquisto?
Saluti!
Connesso

Marsus

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1990
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #23 il: 15 Febbraio 2016, 10:42:39 »

Salve, mi introduco nel dibattito.
Come si riconosce un buon usato, o, come si testa un binocolo usato prima dell'aquisto?
Saluti!
Per iniziare lo stato esterno,poi che le lenti non siano graffiate,e per ultimo usarlo provando le regolazioni delle diottrie e della focale.Se è un'ottica attempata controllare che non ci sia polvere dentro,anche se può essere ripristinato all'origine spedendo alla casa madre.Quest'ultima cosa per ottiche di qualità,diversamente il gioco non vale la candela.Per ottiche commerciali vanno i primi controlli-
Quando si compera un'ottica di qualità è valida la garanzia anche con il cambio di proprietario,se si prende in armeria ,come da legge europea,è responsabile della vendita-
Connesso

JackTheLad

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 534
  • Edit(t)atore Compulsivo
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #24 il: 16 Dicembre 2016, 11:31:50 »

Ottime informazioni, specialmente perché i suddetti binocoli qua da noi sono decisamente poco conosciuti. Essendo anche io interessato all'argomento vi lascio i risultati delle mie ricerche online tese a trovare il miglior rapporto qualità/prezzo ad un budget di circa la metà rispetto ai binocoli della recensione, così magari se qualcuno ha bisogno di orientarsi ha qualche modello a cui guardare per fascia di prezzo. Per tutti i modelli mi riferisco al formato 8x42, che pare essere il più versatile:
-Attorno ai 150 o meno (mi è capitato di trovarli anche a 110 su amazon,anche se raro), consiglio di dare un' occhiata al Celestron Nature DX o all'Atlas Radian
-Attorno ai 200/250 le migliori alternative paiono invece essere il Celestron Trailseeker e l'Alpen Wings ED
Se avete il budget disponibile il mio consiglio è di orientarvi su uno di questi ultimi due, il primo è più comunemente diffuso e probabilmente si riesce a trovare ad un prezzo un bel po' inferiore all' Alpen, che ha dalla sua una qualità leggermente superiore ed una dotazione un po' più ricca. Per usi più hobbystici i due binocoli della fascia di prezzo inferiore dovrebbero comunque essere pienamente soddisfacenti, quindi in definitiva, avendone la possibilità, la soluzione è provarli e vedere cosa è meglio per le proprie esigenze  ""//)=
Connesso
Per citare Drieu: Questo è il mio parere, apodittico, fornito senza prove, ma con arroganza e saccenza, in perfetta adesione allo spirito di questo forum  ""//)=

rfsnk

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 314
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #25 il: 10 Aprile 2017, 20:00:52 »

Ottime informazioni, specialmente perché i suddetti binocoli qua da noi sono decisamente poco conosciuti. Essendo anche io interessato all'argomento vi lascio i risultati delle mie ricerche online tese a trovare il miglior rapporto qualità/prezzo ad un budget di circa la metà rispetto ai binocoli della recensione, così magari se qualcuno ha bisogno di orientarsi ha qualche modello a cui guardare per fascia di prezzo. Per tutti i modelli mi riferisco al formato 8x42, che pare essere il più versatile:
-Attorno ai 150 o meno (mi è capitato di trovarli anche a 110 su amazon,anche se raro), consiglio di dare un' occhiata al Celestron Nature DX o all'Atlas Radian
-Attorno ai 200/250 le migliori alternative paiono invece essere il Celestron Trailseeker e l'Alpen Wings ED
Se avete il budget disponibile il mio consiglio è di orientarvi su uno di questi ultimi due, il primo è più comunemente diffuso e probabilmente si riesce a trovare ad un prezzo un bel po' inferiore all' Alpen, che ha dalla sua una qualità leggermente superiore ed una dotazione un po' più ricca. Per usi più hobbystici i due binocoli della fascia di prezzo inferiore dovrebbero comunque essere pienamente soddisfacenti, quindi in definitiva, avendone la possibilità, la soluzione è provarli e vedere cosa è meglio per le proprie esigenze  ""//)=


grazie per la condivisione :) il celestron trailseeker mi ha fatto venire voglia di provarlo; io cmq sto risparmiando perchè voglio comprare uno swaroski el 8x32. Un ottico di fiducia (che non dirò mai chi è ahahah ) me lo cede per 1550 euro :)
Connesso

Baloo

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 162
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #26 il: 10 Aprile 2017, 23:02:23 »

... è permesso ?

vi disturbo perchè, fra le mie tante passioni, c'è anche quella delle ottiche militari dell'ultima guerra.
Tralasciando per ora tali ottiche per uso militare, vorrei fare presente che dalla fine del secolo scorso
alla seconda metà degli anni ottanta il mondo delle ottiche ha avuto il suo massimo sviluppo.
Una delle aziende, se non la più grande, che ha avuto il merito di trainare tale sviluppo mondiale
è stata la oramai defunta Zeiss Jena.
Basta pensare che all'inizio della prima guerra mondiale la produzione passò dai 10/15000 pezzi all'anno ai 100000 pezzi all'anno
e continuò con questi numeri, con una lievissima flessione, fino alla fine degli anni ottanta con la caduta del muro di Berlino
quando con l'intervento degli USA venne smembrata (questa a grandi linee è la storia).

Tutt'ora, con pochi spiccioli, si possono trovare sul mercato dell'usato ottiche che nulla hanno da invidiare a quelle di cui ho letto nei post sopra,
parlo di 7x, 8x, 10x, nei tagli con lente frontale da 30, 40 o 50.
Se proprio volete un modello in condizioni "mint" allora dovrete sborsare qualche centinaio di eurozzi,
ma se vi accontentate di normali segni d'uso, spenderete una sciocchezza ed avrete un'ottica perfetta che vi accompagnerà per sempre.

Il loro mercato è ancora talmente fiorente che vi sono molti fake che bisogna evitare ma ...
basta pochissimo e qui http://www.holgermerlitz.de/jenoptem.html spiega come evitarli.

Personalmente ne possiedo una decina che alterno nelle uscite e,
tempo fa cedetti alla tentazione di acquistare uno Zeiss top di gamma moderno della serie Victory T FL,
mentirei se dicessi che le vecchie glorie reggevano il confronto
ma se sul piatto della bilancia mettiamo anche l'enorme prezzo sborsato per il Victory,
allora i conti non tornano più ! ... e le vecchie glorie ritornano sul podio di prepotenza !!!

I miei vari Jenoptem, Binoctem, Oberkochen sono ancora al loro posto nell'armadio,
il Victory l'ho venduto per acquistare un EDF 7x40 NVA-R in condizioni mint  ^°^/
un'ottica che dovrebbe essere "patrimonio dell'umanità:clap:
il solo fatto di averla potuto togliere personalmente dal sacchetto stagno in cui era sottovuoto da 50 anni
e guardarci dentro per primo ... è stato il sogno di una vita.

Se solo avessi avuto la forza di non aprirla,
i miei nipoti avrebbero avuto per le mani un oggetto dal valore inestimabile.
Ma questa è un'altra storia.  :'(

P.S.

se qualcuno volesse seguire il consiglio,
badi di puntare un pezzo con matricola superiore al 4850000 circa
che corrisponde alla produzione 1978 /1979,
in tali anni infatti la Zeiss Jena ha dotato le sue già ottime ottiche del T3M Multicoated (superfice trattata delle lenti frontali - riflessi rossastri)
facendo l'ultimo grande salto di qualità seguito poi negli anni dalla concorrenza.

Non che i precedenti non siano all'altezza !  ;)
Connesso

Baloo

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 162
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #27 il: 11 Aprile 2017, 00:26:03 »

Continuo perchè sono stato un po vago ...

quando ho affermato che i vintage Zeiss Jena non hanno nulla da invidiare ai marchi e modelli letti nei post sopra,
non mi riferivo ai modelli di fascia medio-bassa degli ultimi post,
uno Zeiss Jena Jenoptem 7x50 degli anni 80 sa la batte in termini di luminosità, incisività, distorsione e resa cromatica
con marchi attuali al top quali Zeiss, Swarovski, Leica e che dir si voglia.

Si ...  è vero ... non fate i pignoli  ()()()
al confronto diretto resterà sempre un passetto indietro,
ma quel passetto si quantifica in migliaia di euro  :okke:

e poi ... volete mettere ?
portare al collo un pezzo di storia con ancora la forma classica del binocolo ?!?!
... e spendendo "solo" 100/150 euro ?!?! ... mi sbudello dal ridere !!!  :biglaugh:

la corsa sfrenata degli ultimi vent'anni ai "prismi a tetto", cosa ci ha regalato ?
- qualche grammo in meno di peso
- qualche centimetro in meno di ingombro
- ed una nuova spinta al mercato delle ottiche

... ma cosa ci ha tolto ?
- la tridimensionalità dell'immagine !!!

dopo aver guardato dentro ad un buon binocolo con "prismi a tetto" per una mezz'oretta,
provate a portare agli occhi un buon "prismi di porro" ... e capirete subito perchè non ne fanno più !
Connesso

Baloo

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 162
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #28 il: 11 Aprile 2017, 00:43:57 »

Salve, mi introduco nel dibattito.
Come si riconosce un buon usato, o, come si testa un binocolo usato prima dell'aquisto?
Saluti!

fermo restando le info che hai già avuto, stato meccanico e pulizia,
il più grosso difetto che può avere un binocolo è che non sia collimato.

Se un obiettivo punta in una direzione e l'altro non è collimato perfettamente nella stessa direzione del primo
l'occhio lo percepisce, se il difetto non è pesante il cervello tende a correggere il problema
e in un primo momento non ce ne accorgiamo ma alla lunga la visione diventa faticosa e per nulla appagante.

Per scongiurare questo servirebbero strumenti da laboratorio ma facendo una semplice prova ad occhio
già possiamo eliminare quelli con difetti pesanti e/o evidenti,
fissiamo il binocolo ad un cavalletto (o lo appoggiamo a qualcosa di fermo) e, senza muoverlo per nessuna ragione,
con lo stesso occhio ci alterniamo ai due oculari che devono rendere la stessa identica immagine.

Mi spiego meglio,
se la visione all'oculare di sinistra ha come limite superiore la punta del campanile, lo stesso deve essere per l'oculare destro,
se la visione all'oculare di sinistra ha come limite inferiore la base della chiesa, lo stesso deve essere per l'oculare destro,
e così via per i limiti laterali,
facendo questa prova per soggetti vicini e lontani possiamo raggiungere un buon grado di giudizio sulla collimazione del nostro binocolo.
Connesso

rfsnk

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 314
Re:[RECENSIONE] Binocoli eagle optics ranger ed 8x42 e 10x32
« Risposta #29 il: 11 Aprile 2017, 10:35:01 »

Ciao :)

vedo che sei molto ferrato sull'argomento :)


se hai letto sopra, vorrei comprare uno swaroski el da 32 mm


Vorrei approfittarne per farti qualche domanda.
Non ho mai avuto la fortuna di guardare in un binocolo di questo livello, ma sono seriamente intenzionato a comprarne uno.

Vorrei chiederti due cose:
prima di prendere l'eagle optics ranger ed 10x32 che ho recensito (che sarebbe il vortex talon hd rimarchiato)
ho valutato questi modelli:

nikon sportstar 8x25
vortex diamondback 8x28
bushnell legend ultra hd 10x25
nikon monarch 7 8x30

e, tranne che per il monarch, ho trovato davvero pessima la visione in questi binocoli, specie nel vortex diamondback

tu hai mai avuto di provare un vortex di fascia medio alta?

Ho comprato questi binocoli su suggerimenti ricevuti su due forum di binocoli (trekportal e binomania se non ricordo male)
ed effettivamente mi sono trovato molto molto bene.

La mia domanda è (sempre qualora avessi avuto modo di provare questi modelli):

spendere 1200 euro in più per uno swaroski, mi darà benefici tangibili da giustificare i 1200 euro??


secondo punto:

ho notato con piacere che sei un esperto di ottiche "vintage" che mantengono eccellenti prestazioni. Queste ottiche qui, sono riempite di gas
per mantenerle immuni da umidità ed eventuali infiltrazioni d'acqua? es. sotto la pioggia? (come lo sono gli attuali swaroski zaiss ecc?)


Io ho avuto modo di usare l'8x42 durante un umidissimo campo sulla neve, e il sistema anti appannamento mi ha piacevolmente sopreso.





Ora ti faccio la seconda domanda:

ho ereditato da nonno un binocolo (che ha almeno almeno 30 anni) eschenback 10x40,
esteticamente identico a questo qui:

http://www.allbinos.com/index.php?lornetka=671

sono molto molto affezionato all'oggetto,
il solo toglierlo dalla scatola, e percepirne l'odore,  mi riporta istantaneamente alla mia infanzia
e alle mattinate trascorse con lui a guardare le montagne con questo binocolo.

PURTROPPO è SCOLLIMATO.
vedo immagini diverse dai due oculari,
ho modo di sistemarlo???

Connesso