Support Our Marines!

HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Autore Topic: Repliche storicamente accurate  (Letto 254 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1648
Repliche storicamente accurate
« il: 23 Settembre 2019, 19:42:27 »

Questa discussione verrà periodicamente aggiornata a mano a mano che entrerò in possesso di nuove repliche o riceverò foto da altri membri che mi hanno chiesto di fare da tramite. Vuole soprattutto essere comunque una documentazione delle mie ricerche in materia, sperando possa interessare anche altri.

Ho iniziato a fare seriamente ricerche sulle repliche dei coltelli fennoscandici precedenti il 1000 da circa un anno e mezzo, insoddisfatto dalla poca precisione delle repliche vendute comunemente, dell’uso errato e relativamente diffuso, spesso oltreoceano, del profilo seax anglosassone come panacea per qualunque cosa venga denominata provenire dai “secoli bui” oppure etichettata come “vichinga” e, non ultimi, i prezzi ridicoli, indipendentemente da materiali e complessità realizzativa, fatti da quei forgiatori che già allora sapevo realizzassero repliche, primo fra tutti JT Pälikkö, con prezzi che spaziano da un minimo di 330 € a un massimo di circa 1000 €. Mi spiego meglio.

Due coltelli di Pälikkö, rappresentanti dei due estremi di prezzo

Se si girovaga su siti che vendono articoli per la rievocazione storica è facile notare come la categoria "coltelli" sia spesso quasi bistrattata e trattata con modelli piuttosto superficiali o stereotipati, mentre, per contro, una certa minuzia è solitamente presente nelle repliche di abiti e armi. Da quel che ho avuto modo di constatare di persona i rievocatori stessi, abbastanza spesso, danno poca importanza ai coltelli come utensili, relegandoli esclusivamente ad essere attrezzi da tavola. All'interno della rievocazione dell'epoca norrena va leggermente meglio, ma non più di tanto.

Gli errori più frequenti, anche su quei modelli che a livello estetico sarebbero corretti, sono l'uso di materiali non storicamente plausibili, provenienti da regioni geografiche troppo diverse da quelle d'origine: coltelli che dovrebbero essere scandinavi che hanno il manico in noce o palissandro con inserti d’osso di cammello. Senza contare le lame in damaschi dall’origine sconosciuta, ma difficilmente europea, dato il prezzo finale a cui il coltello è poi venduto.
Subito dopo vengono gli errori di geometria, con ricassi che non dovrebbero esserci, biselli troppo bassi o combinazione delle due cose. Gli stessi Helle Viking e Saga Siglar hanno ricasso e biselli troppo bassi rispetto ai loro antenati storici, semplicemente perché più economicamente convenienti da realizzare.


Alcune delle repliche più facilmente reperibili, commercializzate dalla S.P.Q.R., con sede a Malmö

Per curiosità ho comunque contattato un paio di produttori per avere un’idea di acciai a trattamenti termici, ricevendo la risposta che mi ha fatto definitivamente mettere una pietra sopra le repliche realizzate su larga scala. Gli acciai di cui mi parlarono erano l’EN45, il 54SiCr6 e i vari 1060, 1085 e 1095, ma “usati indifferentemente, in base alla disponibilità del momento, non essendoci gran differenza nell’utilizzo” (sic!) mentre le tempre erano sempre fra i 48 e i 52 HRC, con l’eccezione di un 54SiCr6 portato a 54 HRC e un 1095 portato a 56 HRC. Ho visto toccare un punto particolarmente basso con una replica inglese corretta sia stilisticamente sia per materiali, la cui lama ha le guance in damasco, saldate a un cuore di acciaio monostrato, ma portato a 50 HRC. Giusto per un confronto il Saga Siglar e il Viking di Helle sono in un trilaminato con guance a 0,2% C e cuore a 0,87% C, portato a 59 HRC.
Coltello in stile Birka, venduto dal negozio inglese Jelldragon di York
Helle Saga Siglar

Proseguendo le mie ricerche sono incappato per caso in Götz Breitenbücher, fabbro tedesco che però vive e lavora a Kopparberg, nella Svezia centrale, rievocatore occasionale, ma appassionato di storia medioevale, della ricreazione di lame storiche e delle tecniche di forgiatura dell’epoca. Come primo progetto, comunque, abbiamo concordato per la replica di un coltello trovato su un ghiacciaio in scioglimento nello Jotunheimen, nella Norvegia centrale, ma realizzato come lo avrebbe fatto per un gruppo di rievocatori di Trondheim che organizza escursioni in abiti storici.
Mentre discutevamo l’acciaio, Götz  mi ha ribadito che quasi sempre i rievocatori usano il coltello solo per mangiare e per questo motivo usa C75 temprato a 57 HRC, così anche da non rendere la riaffilatura sul campo, con pietre naturali, troppo impegnativa. Mi ha comunque pregato di dargli il mio parere nell’esclusivo uso su legno. Come entrambi ci aspettavamo, la massa ridotta e la combinazione di acciaio e tempra lo fanno rendere bene solo su legno verde, mentre su legno stagionato non è particolarmente entusiasmante, ma comunque meglio del previsto, specie dopo aver microconvessato e lucidato a specchio il tagliente. Nel futuro prossimo abbiamo già in programma una replica dello stesso coltello, ma delle dimensioni dell’originale, con un acciaio diverso, da decidere, e temprato più alto.
Lama da 73x17x4,5 mm; manico da 106x23,5x18 mm; 45 g senza fodero

Questa estate, dopo aver apprezzato un suo maasepän puukko e avergli commissionato il suo primo jakuto, su cui si è parecchio divertito, ho proposto ad Henri Tikkanen, finlandese di Pieksämäki, nella Savonia meridionale, di mettersi alla prova anche sul suo primo, vero, coltello norreno. Mi ha mandato il disegno della sua idea dopo un paio d’ore, centrando in pieno lo stile, al primo colpo, sostanzialmente proponendo una versione più arcaica e semplice del "puukko di Inari", uno dei migliori esempi di puukko alto medioevali finlandesi. Tanto per rendere le cose più interessanti, al posto del 1085 di recupero che usa solitamente ha riforgiato una lima Viiala, in 125Cr1, un W1 con 1,3% C e l’ha temprato a 60 HRC, su un filo a 14,5°.
Lama da 96x21,5x5,5 mm; manico da 102x25x18 mm; 62 g senza fodero.
« Ultima modifica: 23 Settembre 2019, 23:43:45 da Federico »
Connesso


"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

carthago69

  • UTENTE CONFERMATO
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 1249
  • Salute & Serenità, anche se da conquistare...
Re:Repliche storicamente accurate
« Risposta #1 il: 23 Settembre 2019, 21:22:57 »

 :meraviglia:



 ^^(())
Connesso
improvvisare adattarsi e raggiungere lo scopo...

percorro il sentiero "VITA" e finché sarò coi miei cani, sarà bello comunque...

Estote Parati!!

Zoro

  • UTENTE CONFERMATO
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 1887
Re:Repliche storicamente accurate
« Risposta #2 il: 23 Settembre 2019, 21:32:37 »

Complimenti per il post e la ricerca storica, molto interessante :clap: :clap:
Connesso
Chi non ha visto il calar della notte non giuri d'inoltrarsi nelle tenebre. (Elrond)
Poiché i consigli sono doni pericolosi, anche se scambiati fra saggi, e tutte le strade possono finire in un precipizio. (Gildor)

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1648
Re:Repliche storicamente accurate
« Risposta #3 il: 23 Settembre 2019, 23:12:04 »

 :okke:
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

drieu

  • sgresenda
  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 3007
  • Andrea
Re:Repliche storicamente accurate
« Risposta #4 il: 24 Settembre 2019, 00:14:02 »



le repliche mi lasciano sempre un po' perplesso

sono curioso di vedere i prossimi, perché quelli che hai postato non mi entusiasmano
Connesso
si hic sunt leones, ubi oves?

"scolta, toso..." (Falier)

"Essere attuali è, in fondo, una disfatta spirituale" (Emil Cioran)

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità, ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede" (Ernst Jünger)

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1648
Re:Repliche storicamente accurate
« Risposta #5 il: 24 Settembre 2019, 00:39:37 »



le repliche mi lasciano sempre un po' perplesso

sono curioso di vedere i prossimi, perché quelli che hai postato non mi entusiasmano
Una la conosci, perché ti riguarda ;)
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1648
Re:Repliche storicamente accurate
« Risposta #6 il: 09 Ottobre 2019, 20:46:56 »

Il mio vichingo forgiato da Tikkanen ha appena "generato" un pargolo, che andrà sulle colline parmensi, dal nostro frank castle. Negli stessi materiali usati per il mio, se ne differenzia per l'acidatura alla lama, che evidenzia la linea di tempra, e i bolsters d'ottone con anello.

Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa