HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Software del forum aggiornato il 31-08-2020

Autore Topic: Profili norreni  (Letto 2268 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Profili norreni
« il: 14 Settembre 2019, 22:19:28 »

Le cronache di Eginardo, lo storico alla corte di Carlo Magno, nominano per la prima volta l'abitato di Heiðabýr (Hedeby), nel sud dello Jutland, nell'804. Il primo insediamento, tuttavia, fu fondato attorno al 770.

Nell'808 il re danese Göttrik rase al suolo Reric, vicino all'attuale Wismar, fondata nel 700 dalle tribù slave degli Obodriti, e ne spostò il nodo commerciale a Heiðabýr. Data la sua posizione centrale nelle rotte commerciali fra il Sacro Romano Impero e i regni scandinavi e fra il Baltico e il Mare del Nord, divenne rapidamente uno dei più importanti centri di commercio del regno di Danimarca e, di fatto, la "porta" verso il Nord Europa. Assieme a Birka (vicino all'attuale Stoccolma) e a Schleswig formò il trittico di città che gettarono le basi per la futura Lega Anseatica, fondata poi nel XII sec.
Nell'825 batteva moneta, nell'850 la minoranza cristiana vi costruì una chiesa e nel 948 divenne un vescovado. Tuttavia la vita della maggior parte degli abitanti era corta, raramente superavano i 40 anni, spesso uccisi dalla tubercolosi. Ibrahim ibn Ya'qūb, cronista di origini ebraiche del califfato di Cordova, ne dà una colorita e corrosiva descrizione, dopo averla visitata durante uno dei suoi viaggi in Europa Centrale.

"Hedeby è una grande città alla fine del mondo. I suoi abitanti venerano Sirio (probabilmente Freyr) ad eccezione della minoranza cristiana, che ha una propria chiesa. Chi macella un animale come sacrificio lo impala fuori dalla propria abitazione, sia un bue, un montone, un caprone o un maiale, così che il suo vicino sappia che si sta sacrificando per il proprio dio. In città scarseggiano i ricchi e gli oggetti di valore. Le persone mangiano prevalentemente l'abbondante pesce. I bambini sono buttati in mare per ragioni di economia. Il diritto di divorzio spetta alle donne. Gli occhi di vetro sono un'altra peculiarità e quando indossati amplificano la bellezza di uomini e donne in egual maniera. Infine, mai ho udito cantar peggio: un brontolio gutturale, simile a quello di un cane, ma ancor più bestiale."

Nel 1050 la città fu messa a ferro e fuoco da Harald III di Norvegia, in guerra contro Sweyn II di Danimarca, annunciando il proprio arrivo spedendo diversi drakar incendiati ad arenarsi nel porto e ad appiccare il fuoco per lui. Uno scaldo norvegese scrisse:

"Bruciata con rabbia da cima a fondo, fu Hedeby. Alte si alzavano le fiamme dalle case incendiate quando, prima dell'alba, guardavo dalle mura della fortezza."

Nel 1066, mentre Guglielmo il Conquistatore sbaragliava i Sassoni nella battaglia di Hastings, ponendo fine all'Età Vichinga, Hedeby fu definitivamente distrutta da un'incursione di Slavi occidentali. I superstiti emigrarono a nord e fondarono Schleswig. Poco tempo dopo essere stata abbandonata la città fu sommersa dal livello crescente del mare e ne fu dimenticata la stessa esistenza.
Gli archeologi la riscoprirono nel 1900.

L'alto numero di reperti portati alla luce l'hanno resa una delle principali fonti di ispirazione e dati per chi vuole creare repliche di oggetti di epoca vichinga. Tra i manufatti è stato recuperato anche un buon numero di lame e di coltelli: di seguito riporto un disegno illustrativo. I profili 1 e 5 erano probabilmente lame femminili e da uso casalingo; 2, 3, 4 e 6 erano i profili tipici dei coltelli da cintura per uso generico; 7 e 8 erano probabilmente coltelli da macelleria. Il 7 ha inoltre degli equivalenti molto simili provenienti da Dziekanowice e Ostrów Lednicki, in Polonia.
« Ultima modifica: 15 Settembre 2019, 11:56:37 da Federico »
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

boandjimmy

  • Una porzione da Uomo
  • Moderatore globale
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 8676
  • Giuseppe - RKS #5940
Re:Profili norreni
« Risposta #1 il: 15 Settembre 2019, 11:35:40 »


inutile chiedersi l'origine del bowie!! qui è chiaro che lo avevano da tempo.

grazie Federico, come sempre una miniera di notizie

Connesso


Have a Knife Day
De'nis Mura # 3, Di Paco#2, Kiko #8, Terzuola #105

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Re:Profili norreni
« Risposta #2 il: 15 Settembre 2019, 12:01:44 »

 :okke:
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa