HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Software del forum aggiornato il 31-08-2020

Autore Topic: Una chiacchierata con Pasi Hurttila  (Letto 7908 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Una chiacchierata con Pasi Hurttila
« il: 01 Aprile 2013, 11:57:18 »

Non necessiterebbe di presentazione, ma non ho mai raccontato seriamente le sue origini.
Originario di Ulvila, cittadina a 15 km dalla costa del Golfo di Botnia, trasferitosi poi come noto a Ivalo, nell'estremo nord della Lapponia Finlandese.

"Per me è sempre stato interessante essere capace di creare da solo oggetti utilizzabili. Forgiai la mia prima lama nel 2001 e un anno dopo partecipai a un corso di tre mesi di artigiananto antico. Quella può essere definita a pieno titolo la scintilla che mi condusse a diventare artigiano. Durante quel corso ci furono anche due settimane di forgiatura di vario genere, in cui l'insegnante era Martti Malinen. Subito dopo il corso iniziai a procurarmi i vari attrezzi da fabbro, dato che la forgiatura era qualcosa che volevo realmente continuare.

Per me, come artigiano, la cosa più importante è sempre costruire oggetti che siano realmente utili: coltelli, utensili da taglio, ferri da fuoco, cardini, chiavistelli, complementi d'arredo tipo appendiabiti e candelieri... la lista è infinita. I lavori possono essere essenziali o abbastanza decorati, finché sono pratici. Personalmente mi piacciono le cose semplici, essendo io un grande ammiratore delle opere dei vecchi fabbri di villaggio dal XVIII agli inizi del XX secolo. A quei tempi gli artigiani erano veramente necessari e le loro capacità erano apprezzate nella vita quotidiana. L'opposto del mondo moderno, dove un utensile o un paio di cardini non valgono nulla e vige la mentalità dell'usa e getta.

Dopo aver iniziato ad allenarmi alla forgiatura, il mio intento era divenire un artigiano a tempo pieno nel futuro prossimo. Lavorai in Lapponia come guida escursionistica per diversi anni, tenendo la forgiatura e i coltelli come passatempo. Nel 2007 iniziai a forgiare a tempo pieno e non me ne pento. Per i primi tre anni la mia fucina era a Leineperi, nel sud della Finlandia. All'inizio, fra i vari coltelli e oggetti di ferro, costruii anche archi storici, frecce e tamburi da sciamano. Ma dopo un po' decisi di concentrarmi sulla forgiatura. Nel 2010 mi ritrasferii in Lapponia, anche perché, come cacciatore e pescatore, mi piace essere circondato da ampie aree selvagge. La maggior parte dei miei passatempi è connessa con la natura: sci di fondo, canottaggio, escursionismo o semplicemente divertirmi e imparare da Lei.

Oggi la mia fucina è un freddo capanno da 12 m² col pavimento lercio. I soli strumenti elettrici sono la levigatrice, il trapano a mano, il flessibile e la saldatrice: non è troppo diversa dalla fucina di un fabbro di villaggio di un secolo fa. In futuro vorrei dismettere gli attrezzi elettrici e adottare un metodo di lavoro ancor più tradizionale. Trovo sia interessante e importante preservare i vecchi sistemi di lavorazione. Non semplicemente realizzare oggetti tradizionali, ma costruirli col metodo tradizionale.

Ho costruito diversi coltelli che si possono definire non tradizionali, ma dopotutto mi sono sempre divertito di più a realizzare i cosiddetti tradizionali finlandesi. Non saprei dire con precisione perché, forse mi attirano le forme semplici e pulite combinate col sentimento della tradizione. Per me la bellezza di un puukko sta nel fatto d'essere stato un compagno importante della vita dei finlandesi e lo è ancora per molti. Per tagliare o intagliare serve una lama, la lama necessita di un manico e il coltello necessita di un fodero. Tutto qui, né più né meno, un puukko."











« Ultima modifica: 01 Aprile 2013, 12:00:51 da Federico »
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

Baldovino (Ermanno)

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1433
Re:Una chiacchierata con Pasi Hurttila
« Risposta #1 il: 01 Aprile 2013, 12:15:15 »

Ho lasciato il cuore su quel puukko tommi di acciaio a tre strati che ho venduto per necessità economiche... ma almeno è andato in mano ad un amico che lo apprezza.  :salam:
Connesso
Affila il coltello ad un uomo, e lo avra' affilato per un giorno. Insegnagli ad affilare, e lo avra' affilato per sempre.

Aspirante Stella della Daunia

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Re:Una chiacchierata con Pasi Hurttila
« Risposta #2 il: 01 Aprile 2013, 13:37:52 »

 :okke:
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

drieu

  • sgresenda
  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 3042
  • Andrea
Re:Una chiacchierata con Pasi Hurttila
« Risposta #3 il: 01 Aprile 2013, 19:04:21 »



amo quest'uomo, il suo stile di vita e i suoi coltelli

un filologo della forgiatura, ma senza seghe mentali

ringrazio Federico di avermelo fatto conoscere  :clap:
Connesso
si hic sunt leones, ubi oves?

"scolta, toso..." (Falier)

"Essere attuali è, in fondo, una disfatta spirituale" (Emil Cioran)

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità, ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede" (Ernst Jünger)

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Re:Una chiacchierata con Pasi Hurttila
« Risposta #4 il: 01 Aprile 2013, 21:31:16 »

Di nulla, grazie a voi!
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

zenplot

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1381
  • À la aca là che la à a caà en chela cà là
Re:Una chiacchierata con Pasi Hurttila
« Risposta #5 il: 01 Aprile 2013, 23:39:05 »

Grazie Federico ! Grazie alle tue esperienze e conoscenze mi trasmetti sempre tanta passione, mi insegni la storia di un popolo così originale e mi presenti sempre individui tanto curiosi quanto interessanti!  :clap:
Connesso
“La montagna è fatta per tutti, non solo per gli alpinisti: per coloro che desiderano il riposo nella quiete, come per coloro che cercano nella fatica, un riposo ancora più forte." - Guido Rey -

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Re:Una chiacchierata con Pasi Hurttila
« Risposta #6 il: 02 Aprile 2013, 00:50:30 »

Grazie a te, contento di fare cosa gradita.
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

izio78

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 41
Re:Una chiacchierata con Pasi Hurttila
« Risposta #7 il: 09 Aprile 2013, 23:53:04 »

Buona sera ragazzi :) mi aggrego anche io nei complimenti verso i coltelli, veramente molto belli, anche io ne ho, e posso dire che questi in foto sono veramente gran bei pezzi, mi complimento con il "mastro forgiatore"  :clap: :okke: :clap:
Connesso