HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Software del forum aggiornato il 31-08-2020

Autore Topic: Una chiacchierata con Jani Ryynänen  (Letto 7346 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Una chiacchierata con Jani Ryynänen
« il: 03 Marzo 2013, 23:01:00 »

Anche di lui ho già parlato e ora vediamo di conoscerlo meglio.
Operaio in cartiera, residente a Kullaa, piccolo centro di 1600 anime 90 km a ovest di Tampere, è un fabbro e coltellinaio hobbista che si sta facendo un nome fra gli utilizzatori e si sta conquistando il rispetto di diversi professionisti.

"Mi sono interessato alla forgiatura quando avevo circa dieci anni. Mio zio stava forgiando alcuni puukko e gli chiesi. “Me ne faresti uno?”. Mi rispose: “No, fattelo da solo.” Così, alcuni anni dopo, mi costruii il primo puukko usando una lama Lauri.

Ho forgiato seriamente per la prima volta circa sette anni fa, durante una visita al mio amico Ilkka Seikku. All'epoca mi mostrò come forgiare i coltelli da donna o emännän veitsi e anche il mio primo puukko forgiato è nato nella fucina di Ilkka. Più tardi ho forgiato lame nella fucina del mio amico Pasi Hurttila, a Leineperi e costruito il resto a casa. Oggi ho la mia fucina e il mio laboratorio a casa.

Non sono quindi completamente autodidatta: Ilkka Seikku e Pasi Hurttila mi hanno mostrato le basi della forgiatura delle lame mono-strato e tempo dopo Juhani Ahonen mi ha insegnato le basi della forgiatura del damasco.

Sarei interessato a diventare un fabbro a tempo pieno, ma è un percorso un difficile. Vedremo che succederà.

C'è una lunga tradizione di forgiatura nella mia zona. Vicino, nel villaggio di Leineperi, c'è il complesso metallurgico di Fredrikfors, con un altoforno e una fucina con magli ad acqua, dove venivano prodotti ferro battuto e acciaio.
Fu creato nel 1771 ed è un esempio vivente dei primi stadi di industrializzazione della Finlandia. Oggi è diventato un museo, ma la fucina è ancora attiva.

A Kullaa, dove vivo, non abbiamo un coltello personale, ma penso che i Kokemäki-puukko fossero usati anche qui, dato che in passato Kullaa era parte del comune di Kokemäki.

Altri miei interessi sono l'intaglio del legno e la sua lavorazione in generale. Ad esempio intaglio i calci di fucile e li decoro.

Non credo di avere una reale fonte d'ispirazione. Ma, se si è capaci di tenere la mente aperta, si può sempre imparare qualcosa, anche da ciò che non piace.
Penso che la mia missione sia di sostenere e tenere in vita la tradizione dell'artigianato.

Alla fine del 2012 ho ricevuto l'attestato di forgiatore/puukkoseppä."









Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

drieu

  • sgresenda
  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 3042
  • Andrea
Re:Una chiacchierata con Jani Ryynänen
« Risposta #1 il: 03 Marzo 2013, 23:49:31 »


bravo Federico, topic molto interessante

ahimé, mi piacciono anche i puukko Ryynanen, soprattutto quello in betulla con la coda del manico sagomata e privo del pomolo in ottone.
Bellissima anche l'accetta forgiata.
Sui foderi mi sembra di vedere l'influenza di Pasi.
 
« Ultima modifica: 03 Marzo 2013, 23:50:55 da drieu »
Connesso
si hic sunt leones, ubi oves?

"scolta, toso..." (Falier)

"Essere attuali è, in fondo, una disfatta spirituale" (Emil Cioran)

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità, ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede" (Ernst Jünger)

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Re:Una chiacchierata con Jani Ryynänen
« Risposta #2 il: 04 Marzo 2013, 01:05:58 »

In qualche modo. Considera che Pasi, Ilkka e Jani si conoscono fin da piccoli e hanno sviluppato idee abbastanza simili sui coltelli.

L'ultimo è un kokemäki con cui ha vinto nella propria categoria alla scorsa edizione dell'esposizione di Fiskars.
« Ultima modifica: 04 Marzo 2013, 01:07:19 da Federico »
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa

boandjimmy

  • Una porzione da Uomo
  • Moderatore globale
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 8676
  • Giuseppe - RKS #5940
Re:Una chiacchierata con Jani Ryynänen
« Risposta #3 il: 04 Marzo 2013, 09:45:47 »

Grazie Fede

Anche questo interessante e da tenere d'occhi.
se ne avevi parlato, me lo ero scordato!!

é vicino a Pasi anche eni prezzi?
Connesso


Have a Knife Day
De'nis Mura # 3, Di Paco#2, Kiko #8, Terzuola #105

fazer74

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 275
Re:Una chiacchierata con Jani Ryynänen
« Risposta #4 il: 04 Marzo 2013, 09:52:22 »

Davvero molto belle le sue opere! Sarei curioso anch'io di sapere su che prezzi si aggira il coltello con il manico in dischetti di betulla(credo). Dopo aver preso un Woodsknife per capire la tipologia di coltelli, mi stanno piacendo sempre di più!!!
Connesso

Federico

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1708
Re:Una chiacchierata con Jani Ryynänen
« Risposta #5 il: 04 Marzo 2013, 13:12:28 »

Sì, come prezzi siamo paragonabili a Pasi. Adesso son di corsa che devo tornare in università, ma più tardi tornerò sull'argomento.
Connesso
"Quando gli Æsir indussero il lupo Fenrir a farsi legare alla catena Gleipnir, questi non credette che in seguito l'avrebbero lasciato andare, finché Týr non mise la sua mano nella sua bocca come pegno".
Edda in prosa