HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Software del forum aggiornato il 31-08-2020

Autore Topic: Queen Country Cousin & Case Sodbuster  (Letto 2057 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Mostho

  • UTENTE CONFERMATO
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 623
  • Love, Sketching and Wine
    • Handmade with love
Queen Country Cousin & Case Sodbuster
« il: 19 Luglio 2011, 14:44:10 »

Possiedo questi coltelli. Al di là dei dati tecnici misurabili, quanto segue sono le mie personali considerazioni; non vogliono essere il “giudizio definitivo” dei coltelli ma solo ciò che ho constatato o che ne penso io in base ai miei personalissimi gusti e al mio modo di usarlo.

Solo una piccola recensione e personale comparativa di questi due grandi, piccoli coltellini.
Un classico rivisto da due grandi coltellerie americane.


Queen Cutlery Country Cousin
Year:  2008    Condition: Mint
Handle: Amber Composite
Steel: D2           Size: 3 5/8"
Pattern= #70B




Case Sodbuster Jr
Year: 2010
Handle: Yellow Composite
Steel: Carbon    Size: 3 5/8"
Case Knives ID: CAML032



Questi due piccoletti per me hanno fatto la storia, ma sono una storia a se.
Il Sodbuster, il classico coltello da lavoro, multiuso comodo.
Lo fanno praticamente tutte le case di produzione slipjoint, europee e americane.
Ho voluto scegliere questi due perche' sono i due che possiedo e che ho scelto.

La storia di questi piccoletti e' semplice, sono coltelli da mille usi quotidiani, di relativo basso costo. Ma hanno negli anni conservato un fascino incredibile e hanno dato strada a innumerevoli fans che nonostante tutto non hanno voluto mai venderselo ne usare coltello differente.
Come dargli torto.
Da questi sono nati i Shadow Patterns, una specie di Sodbuster senza cartelle. Ancora piu leggeri ma performanti e rigidi ugualmente grazie alle moderne fibre sintetiche per i moderni G10 e similari. Molto meglio del Delrin (insomma na specie di Nylon...).

In questi due in comune c'e' solo il colore piu o meno giallino del Delrin (piu ambrato sul Queen), le cartelle in ottone, la magnifica portabilita, il grande pivot centrale rinforzato, lo snap solido. E il costo minimo, in USA 20-30$ massimo.
Le finiture sono piuttosto spartane ma non ci sono punte che fuoriescono, sbavature di rilievo. Si potrebbe dire qualcosa guardando attentamente l'accoppiamento molla lama oppure l'aderenza non perfettissimissima tra cartelle e Delrin. Anzi non si puo dire nulla, costano poco e li valgono tutti se non di piu.

Quindi sono coltelli piuttosto simili in tutto. MA!
Ci sono delle differenze che magari possono o non possono piacere.

Allora il Queen la prima differenza e' il colore del manico. Leggermente piu scuro, ambrato. Differenza piuttosto generica e di forma. Come le finiture che sono un pelinino sotto il Case.
Seconda differenza sostanziale: ha un acciaio che adoro. Vecchio ma buono come il pane. Il D2. yo!  ""//)= Differenza di sostanza.
La lama viene di fabbrica con un'affilatura tra l'ottuso e il penoso, marchio di fabbrica Queen anche per coltelli moooolto piu costosi.
Filo spesso e molatura piatta lo fanno davvero amare una volta affilato o odiare se non lo affili.
Cosa che se da una parte potrebbe garantire un filo eterno, dall'altra non riesci neanche a pelare una mela.
Ma una volta affilata a dovere, consiglio diamantata o macchina per non invecchiare su una normale pietra, ecco che il D2 si esprime.
Taglia e taglia sempre, rasoio facile da avviare e da mantenere.
Anche se perdi il rasoio, comune al D2 e' la capacita di taglio che rimane sempre e bella potente. Caratteristica che adoro del D2.
Se ci date sotto e poi volete riaffilarla consigliata la diamantata o una pietra come il DC3 o DC4 o una macchina.
La lama inoltre ha un profilo piu appuntito del Case, meglio adatta per penetrare i torsoli di mela o per lavori un po piu di fino.
Inoltre presenta una certa (non fidatevi tropoo pero' non e' inox) resistenza all'ossidazione.
Bene Bravo Bis.

Il Case ha aperto una storia lunga di amore, tra i migliaia di customers di tutto il mondo.
E si capisce il perche: leggero, taglientissimo, con lama al carbonio o stainless. Io ho preferito al Carbonio Vanadio, il classico. Volgio vedere la patinatura che invecchia il mio coltello, purtroppo non riesco a collezionare i miei gingilli se non me li consumo, quanto costino costino. Sono da usare! Usatelo usatelo divertitevi: da farci un pranzo alla potatura dei ciliegi, dal taglio del tubo di campagna al panino in fretta. Usatelo!
Il Case presenta il colore del manico leggermente piu chiaro del cugino di campagna della Queen, e le finiture sono leggerissimamente piu curate.
La lama e' lucidata alla perfezione, bellissima. Il profilo ha la forma piu skinner, con molta pancia. Facilita di sicuro lo skinning ed e' piu sicuro per l'uso, ma la punta la preferisco alla Queen maniera.
Sapere di contare sull'acciaio carbonioso garantisce almeno due cose: patinatura micidiale e facilita di riaffilatura. Cosa  che e' facilissima perche il gingillo qui, viene fuori dalla scatola che schiatta i miei radi peli del braccio. Bella cosa, non l'ho vista nemmeno in coltelli piu costosi.
Confermato che si riaffila in un baleno, complice anche un filo piu fine (siamo intorno ai 0.30mm) e un acciaio temprato sicuramente piu morbido del D2 Queen.
Cosa che non dispiace affatto, specie a chi il coltello lo usa spesso come me e come me si porta sempre una pietruzza dietro. L'ho stroppato a rasoio anche con il fondo della tazza da te. Bona le'! Meglio di cosi? Che si vuole altro? C'e tutto. Se lo usate come cacciavite vi ammazzo. E' un coltellino delizioso ma tagliateci e basta.



Conclusioni personalissime.
Del Queen Country Cousin adoro la leggerezza e l'acciaio, superiore e piu robusto una volta affilato del Case. Ergonomia buona, lama appuntita ed eterna.
Ma affilarlo e riaffilarlo richiedono pazienza oppure macchine per dare il massimo. Altrimenti non compratelo.
Inoltre la garanzia di un coltello leggero, affidabile, tascabile, innocuo alla vista, poco costoso con molta resa.

Del Case adoro l'acciaio, buono come il pane, onesto. Si affila e riaffila velocemente come lo si vuole. Esce dalla scatola "scary sharp" quindi lo usi da subito. Patinera di sicuro, ma e' il suo bello, altrimenti ci si prende la versione inox se si ha paura di cio. Ma non e' la stessa cosa.
Ergonomia ottima e classica come sopra. Leggermente meglio rifinito, solido e anche un pezzo di storia in tasca.
Anche qui la garanzia di un coltello leggero, affidabile, tascabile, innocuo alla vista, poco costoso con molta resa.

Finale di stagione
52% Queen
48% Case
Quasi pareggio. Siccome delle finiture si puo passare,alla fine non costano una cippa, non ho un vero preferito tra i due, infatti li ho comprati tutti e due...
 Se proprio proprio proprio pero il D2 non mi pesa visto che ho la levigatrice e la DC4... :biglaugh:
« Ultima modifica: 19 Luglio 2011, 14:51:47 da Mostho »
Connesso
--
http://www.broworkshop.com
Art, creativity, passion.

0-Sile86

  • UTENTE BANNATO
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 669
Re: Queen Country Cousin & Case Sodbuster
« Risposta #1 il: 19 Luglio 2011, 16:28:23 »

Belli questi coltellini!...sembrano una specie di opinel a stelle e strisce....
Connesso
"Ora vedo il segreto per fare gli uomini migliori. crescere all'aria aperta,. mangiare e dormire con la terra". Walt Whitman

Mostho

  • UTENTE CONFERMATO
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 623
  • Love, Sketching and Wine
    • Handmade with love
Re: Queen Country Cousin & Case Sodbuster
« Risposta #2 il: 19 Gennaio 2012, 12:35:52 »

uhmm la cosa e' proprio diversa sai!
Connesso
--
http://www.broworkshop.com
Art, creativity, passion.