Support Our Marines!

HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Autore Topic: Quali folders?  (Letto 786 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Bad

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 47
Quali folders?
« il: 01 Dicembre 2018, 19:51:07 »

Ciao,
vi volevo chiedere, quali sono ( metto il plurale perchè tra appassionati è d'obbligo ) i folder che vi portate dietro più spesso?
Quelli che mettete sempre dentro lo zaino, magari saranno anche diversi a seconda delle occasioni, ma sicuramente ce n'è qualcuno che vi portate più spesso di altri.
Ovviamente, intendo quando possibile, siamo in italia, e nessuno vuole trovarsi con mille mila euro di multa per un coltello  ()()()
Io, quello che porto quando voglio un coltello robusto e leggero è il paramilitary primo modello, il 2 sembrerebbe anche meglio ma non mi è mai capitato di comprarlo e con il primo non mi è mai mancato niente.
Quando so che dovrò avere a che fare con tanto cibo di diverso tipo, porto un Benchmade Onslaught, un laser con una buona lunghezza di lama.
E ho quasi sempre anche un Victorinox e un coltello sardo per appartenenza etnica, e perchè va bene in tante occasioni senza "spaventare" troppo nessuno.
Connesso


Sanshiro84

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 72
Re:Quali folders?
« Risposta #1 il: 01 Dicembre 2018, 21:18:46 »


Potremmo chiacchierare per ore...quando vado in mtb porto Endura 4 ( lo so non ha senso ), quando vado nel bosco porto un vic Forest oltre al fisso, in abito urbano lo zero assoluto perchè per lavoro entro in aziende private e pubbliche e potrei avere problemi.

Sto valutando di comprarmi una pinza multiuso seria proprio per l’urban, da tenere in macchina, dovrebbe essere meno problematica di una semplice lama in caso di controlli.
Connesso

Bad

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 47
Re:Quali folders?
« Risposta #2 il: 02 Dicembre 2018, 10:21:07 »


Potremmo chiacchierare per ore...quando vado in mtb porto Endura 4 ( lo so non ha senso ), quando vado nel bosco porto un vic Forest oltre al fisso, in abito urbano lo zero assoluto perchè per lavoro entro in aziende private e pubbliche e potrei avere problemi.

Sto valutando di comprarmi una pinza multiuso seria proprio per l’urban, da tenere in macchina, dovrebbe essere meno problematica di una semplice lama in caso di controlli.

Beh, l'endura mi sembra una buona scelta, leggero, sottile e robusto.
Anche io vado in mtb (gravity più che pedalato) e anche se un coltello non mi è mai servito porto sempre un victorinox.
Ho sempre con me, nel portachiavi, una mini pattadesa con lama da 3cm e una mini torcia 4sevens.
Seppur piccolissima, la lama mi è servita molto spesso.
Un edc che mi piacerebbe molto provare è il bugout della Benchmade.
Connesso

Sanshiro84

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 72
Re:Quali folders?
« Risposta #3 il: 02 Dicembre 2018, 12:13:20 »


L’endura è lo spy che uso di più perchè taglia meglio degli altri che ho, però in bici sarebbe meglio appunto un multi o una pinza, sono indeciso tra Victorino e Leatherman.

Folder che vorrei provare ce ne sono tanti, il Bugout sicuro ma anche Griptilian, Freak e l’introvabile Rukus.

In ambito boschivo il folder ha comunque tanti limiti, in primis lo sporco e l’umidità che mi costringono a pulire i meccanismi dopo ogni utilizzo, un fisso invece basta una passata sotto l’acqua e via!

Solo per curiosità prima o poi mi comprerò un Lionsteel Kur, perchè sembrano veramente ben fatti.
Connesso

Cowboy

  • Moderatore globale
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 6527
  • A me...me pare na strunzata!!
Re:Quali folders?
« Risposta #4 il: 02 Dicembre 2018, 20:07:59 »

quotidianamente è quasi d'obbligo un Vic Handyman, troppo comodo.  In alternativa un victorinox pioneer alox, o un Gec 62 carbon doppia lama, o un salamandra o un esee zancudo. Cmq tutta roba abbastanza piccolina.

In moto la victorinox swisstool, che in un paio di occasioni mi ha fatto rientrare a casa dopo una serie di smadonnamenti senza limiti.

Pasquette e/o scampagnate varie, ahimè sempre più rare, un vecchio e cattivissimo Tonerini da caccia con estrattori ormai notissimo ai più di questo forum!  ""//)=
Connesso

_______________________________________________________________

NON SI BATTE IL CLASSICO!!!

Bad

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 47
Re:Quali folders?
« Risposta #5 il: 02 Dicembre 2018, 22:34:14 »


L’endura è lo spy che uso di più perchè taglia meglio degli altri che ho, però in bici sarebbe meglio appunto un multi o una pinza, sono indeciso tra Victorino e Leatherman.

Folder che vorrei provare ce ne sono tanti, il Bugout sicuro ma anche Griptilian, Freak e l’introvabile Rukus.

In ambito boschivo il folder ha comunque tanti limiti, in primis lo sporco e l’umidità che mi costringono a pulire i meccanismi dopo ogni utilizzo, un fisso invece basta una passata sotto l’acqua e via!

Solo per curiosità prima o poi mi comprerò un Lionsteel Kur, perchè sembrano veramente ben fatti.

In bici meglio optare per un multitool dedicato per la bici appunto, ce ne sono tantissimi e tornano sempre utili.
Una leatherman sarebbe troppo pesante e poco utile.
E poi una lama, giusto per averla, il Vic ( o l'endura ) va sempre bene. Al massimo si può optare per qualcosa di più massiccio se si va a fare qualche escursione in luoghi molto isolati.
Il Rukus l'ho avuto, il modello grande. Bel coltello, mi sono pentito di averlo venduto ma come user c'è di meglio devo dire.
Lionsteel ne ho avuto vari e non si sbaglia mai, sempre trovato benissimo, lo sleipner mi piace molto.
Un Kur brown con lama stonewashed è nella lista dei desideri.
Connesso

Bad

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 47
Re:Quali folders?
« Risposta #6 il: 02 Dicembre 2018, 22:48:06 »

quotidianamente è quasi d'obbligo un Vic Handyman, troppo comodo.  In alternativa un victorinox pioneer alox, o un Gec 62 carbon doppia lama, o un salamandra o un esee zancudo. Cmq tutta roba abbastanza piccolina.

In moto la victorinox swisstool, che in un paio di occasioni mi ha fatto rientrare a casa dopo una serie di smadonnamenti senza limiti.

Pasquette e/o scampagnate varie, ahimè sempre più rare, un vecchio e cattivissimo Tonerini da caccia con estrattori ormai notissimo ai più di questo forum!  ""//)=

Il vic è sempre nel cuore di tutti, ma è comprensibile, è un coltello compatibile con la maggior parte delle situazioni dell'utente medio europeo e non solo.
Devo confessare di non aver mai avuto un tradizionale americano, è da un pò che vorrei comprarne uno, ma c'è veramente l'imbarazzo della scelta.
Magari aprirò un thread sull'argomento se non c'è già.
Comunque anche il tradizionale è nella lista dei desideri...
Il Salamandra non lo conoscevo, carino come edc, com'è l'acciaio?
Con gli acciai spagnoli non mi ci sono mai trovato molto bene a dire il vero.
Il tonerini boh?! E' un custom? ???
Purtroppo anch'io sempre meno scampagnate, per una serie di ragioni gira così, e non va bene  :nuvfantozz:
Connesso

Trekker

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 927
Re:Quali folders?
« Risposta #7 il: 03 Dicembre 2018, 11:10:14 »

Ovviamente il massimo che mi concedo in ambiente urbano è un multiuso, Vic in primis, adesso l'ho momentaneamente sostituito con un altri multiuso, un Cinese Sanrenmu comprato per vedere se effettivamente è di una qualità "non cinese" come a detta di molti ed è così: buone molle, lama un onesto Sandvik 12C27 e attrezzini validi.

Non è il notissimo e tranquilizzante Vic rosso con lo scudetto svizzero ma è comunque sempre della stessa tipologia multiuso e confido molto nella clemenza di un eventuale controllore delle FF.OO (lama di 6 cm, slipjoint...).

Per le escursioni, non sono previsti grandi lavori per i pieghevoli per cui ho con me un Vic Hercules, con lama da 10 cm e blocco lama, oltre al solito Opinel 10 che ogni volta mi dico di lasciarlo a casa ma poi alla fine non ce la faccio (pesa poco, taglia bene, sia riaffila con un sasso...). Per il resto si va di fissi.

Altro pieghevole che uso, ma solo in particolari situazioni (tipo vacanza in appartamento ecc.), è il Benchmade LFK che da aperto è quasi come un fisso e taglia veramente bene. Oltre ad essere inox e quindi usabile per il cibo, è molto meglio di tanti coltelli da cucina che si potrebbero travare in un bungalow.
« Ultima modifica: 03 Dicembre 2018, 11:14:56 da Trekker »
Connesso

drieu

  • sgresenda
  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 2938
  • Andrea
Re:Quali folders?
« Risposta #8 il: 03 Dicembre 2018, 11:34:56 »

ovunque sia, in tasca ho sempre un Vic, prevalentemente lo Spartan o, come oggi, il Compact, a cui ho applicato la guancetta inferiore dello Swiss Champ per poter inserire la pennetta a sfera pressurizzata.

a volte associo al Vic un Mcusta, un mini-Griptilian della Benchmade, il TRE della Lion Steel o, comunque, il pieghevole che in quel momento mi "attizza" di più. Per esempio, fino a un mese fa mi portavo quasi sempre dietro Le Bugiste di Frédéric Maschio.

Nelle escursioni, siccome le faccio di regola con utenti di questo forum, porto (anzi, portiamo) l'impossibile: il glamping ha i suoi rituali  :)

Connesso
si hic sunt leones, ubi oves?

"scolta, toso..." (Falier)

"Essere attuali è, in fondo, una disfatta spirituale" (Emil Cioran)

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità, ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede" (Ernst Jünger)

Cowboy

  • Moderatore globale
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 6527
  • A me...me pare na strunzata!!
Re:Quali folders?
« Risposta #9 il: 03 Dicembre 2018, 14:31:24 »


Il Salamandra non lo conoscevo, carino come edc, com'è l'acciaio?
Con gli acciai spagnoli non mi ci sono mai trovato molto bene a dire il vero.
Il tonerini boh?! E' un custom? ???


L'acciao del salamandra è fantastico. si riprende il filo con niente ed ha una buona tenuta, taglientissimo, per quanto piccolo da le sue belle soddisfazioni.

Tonerini è o meglio era una ditta italiana, non è custom. Gli ultimi esemplari li ha sfornati tra i trenta e i quaranta anni fa. Sono decisamente vintage ma del tutto funzionanti e cattivi. Parliamo di un folder con lama da 12 cm. Ormai sono praticamente introvabili.
Connesso

_______________________________________________________________

NON SI BATTE IL CLASSICO!!!

supertrapp

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 681
Re:Quali folders?
« Risposta #10 il: 03 Dicembre 2018, 18:24:58 »

Solitamente uno Spy Delica e il Vic quello piccolo (lametta, forbicina e limetta)
Connesso

nat

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 2093
Re:Quali folders?
« Risposta #11 il: 03 Dicembre 2018, 21:20:10 »

Per parecchio tempo il preferito è stato un griptilian, ma adesso non faccio a meno del bogout, edc perfetto per me.
In escursione oltre ad un fisso il kur, lama sfruttabile e soprattutto tutto un impugnatura comoda come quella di un fisso per i lavoretti.
Connesso
le pietre grandi.....e una birra ghiacciata

Zoro

  • UTENTE CONFERMATO
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 1861
Re:Quali folders?
« Risposta #12 il: 03 Dicembre 2018, 22:08:18 »

Io di solito li uso un po' tutti... Se mi servono per un panino o un frutto di solito uno spy o un bench a caso. Anche per aprire pacchi o fare lavoretti a casa uno di questi random. Per una qualche escursione un vic rucksack, ma solo perché ha il seghetto ed è di supporto alla roba seria, un bel lama fissa. In mtb di solito porto una pinza e un multitool del decathlon, ho sia la vic spirit che la Leatherman wave, una delle due, anche se di solito non servono. Quando vado a funghi mi porto il cold steel spartan, perché odio i coltelli da fungarolo e perché mi ci trovo bene, tanto è un compito semplice e spesso mi è tornato utile per farmi un bastone, può tranquillamente essere usato per tagliare un rametto verde, il blocco è molto resistente.
Connesso
Chi non ha visto il calar della notte non giuri d'inoltrarsi nelle tenebre. (Elrond)
Poiché i consigli sono doni pericolosi, anche se scambiati fra saggi, e tutte le strade possono finire in un precipizio. (Gildor)

Bad

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 47
Re:Quali folders?
« Risposta #13 il: 04 Dicembre 2018, 22:45:03 »

Ovviamente il massimo che mi concedo in ambiente urbano è un multiuso, Vic in primis, adesso l'ho momentaneamente sostituito con un altri multiuso, un Cinese Sanrenmu comprato per vedere se effettivamente è di una qualità "non cinese" come a detta di molti ed è così: buone molle, lama un onesto Sandvik 12C27 e attrezzini validi.

Non è il notissimo e tranquilizzante Vic rosso con lo scudetto svizzero ma è comunque sempre della stessa tipologia multiuso e confido molto nella clemenza di un eventuale controllore delle FF.OO (lama di 6 cm, slipjoint...).

Per le escursioni, non sono previsti grandi lavori per i pieghevoli per cui ho con me un Vic Hercules, con lama da 10 cm e blocco lama, oltre al solito Opinel 10 che ogni volta mi dico di lasciarlo a casa ma poi alla fine non ce la faccio (pesa poco, taglia bene, sia riaffila con un sasso...). Per il resto si va di fissi.

Altro pieghevole che uso, ma solo in particolari situazioni (tipo vacanza in appartamento ecc.), è il Benchmade LFK che da aperto è quasi come un fisso e taglia veramente bene. Oltre ad essere inox e quindi usabile per il cibo, è molto meglio di tanti coltelli da cucina che si potrebbero travare in un bungalow.

Wow, l'LFK era una vita che non lo vedevo, un folder un po' anomalo ma valido.
L'Opinel è un'altro evergreen, io ne ho 2 piccoli e anche quelli si sono fatti molti giretti.
Connesso

Bad

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 47
Re:Quali folders?
« Risposta #14 il: 04 Dicembre 2018, 22:50:19 »

ovunque sia, in tasca ho sempre un Vic, prevalentemente lo Spartan o, come oggi, il Compact, a cui ho applicato la guancetta inferiore dello Swiss Champ per poter inserire la pennetta a sfera pressurizzata.

a volte associo al Vic un Mcusta, un mini-Griptilian della Benchmade, il TRE della Lion Steel o, comunque, il pieghevole che in quel momento mi "attizza" di più. Per esempio, fino a un mese fa mi portavo quasi sempre dietro Le Bugiste di Frédéric Maschio.

Nelle escursioni, siccome le faccio di regola con utenti di questo forum, porto (anzi, portiamo) l'impossibile: il glamping ha i suoi rituali  :)

Bello il Le Bugiste, assolutamente di mio gusto, purtroppo non ne ho mai visto uno dal vivo.
E' un piacere scoprire la varietà di gusti dei vari utenti, ricordavo bene che in questo forum si è sempre guardato molto alla sostanza  :okke:
Connesso