Support Our Marines!

HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Autore Topic: Ri aiutatemi a scegliere  (Letto 3686 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Alessandro79

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 10
Re:Ri aiutatemi a scegliere
« Risposta #75 il: 21 Marzo 2018, 10:17:31 »

bellissimo il bark river!!!!
Connesso

Sergio Vanni

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 42
Re:Ri aiutatemi a scegliere
« Risposta #76 il: 21 Marzo 2018, 14:23:32 »

Sergio , ho riletto attentamente i tuoi consigli e il frutto delle esperienze che hai fatto con Ats-34...Alla fine parliamo , la stessa lingua , tu lo fai in termini pratici io , lo faccio con termini scientifici
Gli accorgimenti e le problematiche di cui parli , sono streattamente connaturate alla natura dell'acciaio ...
L'ats-34 è un air hardening  , quindi la prima problematica si pone  , quando tu lo togli dalla forgia , , lo metti a contatto con l'incudine e martelli , l'acciaio , tenderà ad indurirsi , tanto più sarà rapido il raffreddamento ed è proprio in quel momento che incominciano a staccarsi pezzi di mettallo  a mò di scheggia. Quindi , da quello che ho capito , forse , e studiato , nella giornata odierna , il primo problema si pone per il fatto ,che lo spettro di tempo in cui lo puoi lavorare  , si stringe notevolmente , rispetto ad un carbon per esempio ( anche qui alcune eccezioni , in quanto esistono i short red steel ).
Il lento raffreddamento che tu consigli entra dopo la forgiatura nel ciclo dei trattamenti termici , e dai metallurghi è chiamata normalizzazione ...Penso , ma non ne sono sicurissimo , che il fenomeno di sbananamento , di cui tu parli , non sia magari dovuto ad una manipolazione fatta male  ,quanto ad una curva di raffreddamento in questa fase  , troppo veloce per rilevare completamente tutti gli stress della lavorazione a caldo( se vai a vedere le schede tecniche , le rampe e i tempi di raffreddamento sono abbastanza precisi , difficilmente replicabile  con forge , senza controllo della temperatura
.Se pensi ad esempio al damasco ritorto o ad alcuni esplosi , che subiscono manipolazioni estreme e non hanno problemi di piegatura o strane contrazioni , a patto che le manovre distensive siano corrette  Dovrebbe anche essere abbastanza coerente con il fatto che , da quello che dicono i metallurghi il 90% dei difetti problemi che possono nascere in un coltello sono dovuti a problemi di temperatura ...Ovvio è che martellare  , lasciando strane pieghette  , non eliminare quei piccoli lembi che si formano ,quando scappa na martellata male ,possono anche essi creare problemi durante , magari le fasi di spegnimento ...
Come hai confermato , viste l'elevato numero di temperature cui bisogna stare attenti nel corso della produzione di un coltello fatto con questo metodo , è facile anche per un navigato ed esperto forgiatore, svaccare in pochissimo tempo tutto il lavoro .
Per questo ritengo , inutile da un punto di vista delle criticità riscontrabili , forgiare e fare tt troppo casalinghi , anche solo una parte di questi ad acciai osì delicati...
Pr amor di Dio , sperimentare è bellissimo , ma bisogna obbiettivamente , anche considerare fino a che punto possiamo sperimentare con i mezzi che abbiamo a disposizione e mettersi nell'ordine di idee di quelli che potrebbero essere gli innumerevoli "errori"non controllabili che si potrebbero riscontrare e gli innumerevoli dubbi che lasciano certe lavorazioni fatte in maniera empirica
L'evoluzione della composizione di un acciaio è andata di pari passo con la evoluzione dei metodi di lavorazione ... Ritengo , quindi che ad ogni acciaio vada riconosciuto il giusto livello tecnologico per essere lavorato .
Viceversa , lavorare acciai di "vecchia" e antica tecnologia con moderna strumetazione possa dare risultati che possono essere più soddisfacenti  e performanti.
Grazie Sergio  ,dalla discussione e dallo "screzio" mi è sorta una nuova  curiosità e ho aperto una porta sul mondo della lavorazione degli acciai che fino ad ora avevo considerato marginalmente ....
Scusa Frank se non ti ho risposto prima ma questi due giorni sono un po'assente...e scusami pure tu Trumbolone..ma quale screzio!?almeno ci siamo conosciuti e peccato che non realizzo più coltelli ormai da tempo immemore,tu Frank sei un artigiano? sai ancora non conosco bene l'ambiente di questo forum,e come diceva Trumbolone chissà che non ci si ritrovi a forgiare insieme,e chissà potrei chiederti di forgiarmi un laminato con quelle caratteristiche; comunque è vero! non ho riscontrato grossi vantaggi quando forgiavo l'ATS mentre per quanto riguarda il D2 anche se ostico la forgiatura era più fattibile, forse anche perché ormai avevo preso l'abitudine nel trattare questo semi inox..anche se bastava una goccia di sudore mentre forgiavi per buttare un coltello,una goccia sulla lama e compariva subito una cricca!(conservo ancora una lama con una bella decorazione a forma di stellina) Ti aspetto per nuovi consigli e aggiornamenti,un saluto cordiale: Sergio
Connesso

Nathz

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 132
Re:Ri aiutatemi a scegliere
« Risposta #77 il: 21 Marzo 2018, 22:32:01 »

Sui folders mi pare che l'utente e artigiano Excalibur sia molto preparato.
Prova a chiedere a lui, io i miei me li faccio fare di marzapane da Nathz, così non butto via niente.
Te ne avevo preparato una decina in marzapane.
Fighissimissimissimi!!!!

Poi ho avuto na botta de fame allucinante... me li sono pappati tutti.
 :-[ :-[ :-[ :-[ :-[
credevo fossi un amico  :'(

Scusami, e' stato un momento di debolezza.
Te li sto rifacendo tutti.
 :-[ :-[

 :-*
Connesso

frank castle

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 697
Re:Ri aiutatemi a scegliere
« Risposta #78 il: 22 Marzo 2018, 19:26:51 »

Sergio ,no non sono un artigiano ,non potrei mai definirmi tale ,forse tra una quindicina d'anni o tra 2000 oggetti che gli altri riconosceranno come buoni coltelli ....
Ho un concetto forse romantico e anacronistico del termine ,ma se penso che un tempo non bastava una vita per imparare una arte artigiana gli apprendistu incominciavano poco più che ragazzetti e forse si potevano definire tali dopo una quindicina di anni,ora trovo che ,aldilà delle definizioni letterali sia un termine un pò svilito ,me è una mia opinione si intenda.....
Sono un hobbysta che si diletta ,per la veritá manco troppo spesso ,con l'incudine e il martello e gli altri giocattoli . Grazie per la fiducia ,ma anche avendone una idea a livello teorico ,non me la sentirei mai di affrontare questo compito ,mi manca atrezzatura e esperienza ;a dire il vero poi ,non sono manco un grande fan del Cromo ,sui coltelli da cucina lo capisco e lo accetto sugli altri sportivi o da lavoro ,non mi entusiasma per niente ... a dire il vero a me piace anche poco il 304 con il core in Carbon ,per quanto abbia una resa estetica incredibile .
Sul fatto che il d2 fosse più forgiabile ,se intendi in termini di duttilità ,ci sta anche ,dato che più cromo hai più diventano impestati ....Guarda ,non dico che non si attacchino o che la saldatura non riesca ,quello che mi preoccupa sono le temperature di saldatura ... il d2 è un acciaio molto sensibile ,anche per poco tempo e pochi gradi ,alle temperature critiche . Per fare una cosa fatta "bene"bisogberebbe avere una pressa con un tonnellaggio davvero alto per poter abbassare la t di saldatura . Sul forgiare insieme ,sarebbe bello ,ci si potrebbe accordare ...Sarei davvero contento di poter prendere indicazioni da uno che sa come si usa un martello .
Connesso
"Sometimes the world doesn't need another hero .sometimes what it needs is a monster " -Frank Castle -

"Only I do the one thing you can't. You hit'em and they get back up. I hit'em and they stay down!-Frank Castle

Max

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 1651
Re:Ri aiutatemi a scegliere
« Risposta #79 il: 22 Marzo 2018, 20:05:08 »

Era tanto che non leggevo cose interessanti. Parlo per me naturalmente. in poche righe avete snocciolato concetti e spunti per aprire almeno una decina di discussioni. Ringrazio Vanni e Frank per questo.
Per cortesia approfondite l'argomento forgiatura inox e semi inox. Per quel che ne so è una pratica di elite.
La presenza del cromo e dei leganti innalza il livello di difficoltà.  Una goccia di sudore basta a vanificare il lavoro. La pressione del maglio è fondamentale per raggiungere una saldatura ottimale. Musica per le mie orecchie.
Che altro? Forgia a gas o a carbone? Uso della borace?  Controllo delle temperture etc. Forno di tempra tradizionale o gas nobili / sotto vuoto? Spegnimento in olio, acqua, piastre d'al. Sbizzarritevi  ;)
Connesso

jack trumbo

  • Cazzone
  • UTENTE CONFERMATO
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 1327
  • iperscrotum vulgaris
    • le fatiche di Malone
Re:Ri aiutatemi a scegliere
« Risposta #80 il: 22 Marzo 2018, 21:36:36 »

certo che un piccolo ringraziamento anche al Trumbo lo potevi fare.... :biglaugh:
E comunque nel discorso rivorrei anche JTL che ha la grande voglia di informare ed informarsi e mi stupisce sempre.
Peraltro è della cerchia dei rompiballe e questo tiene vive le discussioni, altrimenti dobbiamo leggere solo FC e SV che mi stanno già prendendo alle balle con tutte queste frocerie  :biglaugh:
Connesso
ce l'ho gigante
Pagine: 1 ... 4 5 [6]   Vai su