Support Our Marines!

HIC SUNT LEONES

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Autore Topic: MINI SCANDI FOLDER 4.0  (Letto 1301 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Puukko

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 1226
  • Collezionista di Troiate in Latta Pigiata
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #45 il: 02 Dicembre 2018, 15:06:18 »

Ahahahahahahahahahahahaha esatto.
Connesso
Rinnegato dal clan CSUH dal Sensei Covino, ora seguo solo la via del CSFW

Zoro

  • UTENTE CONFERMATO
  • ****
  • Offline Offline
  • Post: 1831
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #46 il: 02 Dicembre 2018, 18:50:37 »


Ma si parla di produzioni industriali, i trattamenti avvengono in forni in lotti di centinaia di pezzi, seguendo programmi congelati... che un singolo esemplare si comporti diversamente dalla massa è quantomeno improbabile (salvo casi in cui facciano la tempra alla cazzo come in Tops... dove peraltro utilizzano acciai facili da trattare). Poi nulla è impossibile, ma la regola di Pareto mi porta a guardare altrove, prima.

mica tanto improbabile
proprio perché sono forni adatti a grandi lotti non è da escludere che una parte delle lame, a causa del posizionamento sulle rastrelliere, subiscano variazioni nel TT o che addirittura intere "infornate" possano aver subito un TT diverso da quello standard
parliamo, oltretutto, di un inox notoriamente rognoso

Se un discorso simile non è tenuto in considerazione, il produttore merita di fallire domani.

I forni industriali vengono qualificati in base ai requisiti della clientela con un test di uniformità termica (TUS, Temperature Uniformity Survey). Il risultato di questo test, da ripetersi periodicamente, ti permette di certificare che la temperatura vista da un qualsiasi pezzo nella camera sia T di set-point + o - un range predefinito. Per esempio, se hai un'uniformità di + o - 5°C, a set point 800°C ogni pezzo starà tra 795°C ed 805°C.

Infornate intere con trattamenti diversi possono invece risultare da errore umano, ma, di nuovo, non le additerei come imputato più probabile.

Non sono esperto sui forni e sui controlli, sono sicuro che hai perfettamente ragione, ci sono sicuramente dei controlli periodici e dei parametri che indicano che vada tutto bene. Immagino anche che qualche lama a campione venga testata, almeno lo spero. Ogni azienda poi avrà un suo modo di lavorare, però allora aggiungo qualche considerazione...non per far polemica con te, solo per ragionare insieme, perchè l'argomento è molto interessante: Se i forni e i trattamenti sono così precisi, prendendo ad esempio un 1095, che dovrebbe essere semplice da trattare, perchè quasi tutti certificano una tempra con un range di ben due hrc, classico esempio 56-58 hrc. Significa che è normale che ne possa trovare uno a 56 e uno a 58 hrc, perchè dichiarano questo sostanzialmente. Poi ok che spero sia principalmente per pararsi il sedere... ma spero che il range effettivo poi sia almeno inferiore ad 1 hrc, perchè due è tantissimo. Il comportamento sul campo di uno stesso coltello a 56 o 58 è ben diverso, penso che l'abbiamo provato tutti e ce ne rendiamo tutti conto. 2 hrc potrebbe essere la differenza per cui un coltello regge ad una forza e torna alla forma originale, oppure si spezza, si chippa, si piega ecc. ecc. Insomma vorrei un range di tolleranza più stretto e controlli più precisi per avere più garanzie. Ricordo che la puma controllava le sue lame una ad una con il durometro, per controllare che la durezza fosse giusta, anche il mio puma anni 80 aveva il segno sulla lama, nella costa in alto, era una bella sicurezza onestamente. Poi sarò sfortunato io, sarà che ho usato e magari anche intensamente diversi coltelli, però ne ho sminchiati diversi non credo che fosse sempre cola del tt, ma neanche sempre colpa mia.

Inoltre a pensar male si fa sempre bene.... mettiamo che questo controllo sul forno si faccia tutti i mesi (non ho idea se sia giornaliero, settimanale, mensile, trimestrale, se dipende dal marchio ecc. diciamo a cazzo: mensile )  mettiamo che per anni il risultato è sempre stato nel range ottimale, sempre fatta pulizia e manutenzione ecc. Poi ad un certo punto il valore è completamente sballato... mettiamo che magari si era rotto 20 giorni prima e che intanto i coltelli trattati siano già quasi pronti per essere venduti, migliaia di euro di valore e ore di lavoro... secondo te li buttano tutti via? fanno controlli uno per uno, li ritemprano tutti per sicurezza... se ne fregano? Non lo so, ma siccome ho sentito, visto e letto di run difettose, sfigate ecc. errori siano stati fatti e spesso anche venduti come niente fosse. Altrimenti non saprei spiegarmi come la spyderco abbia cpms30v che facciano schifo e cps30v ottimi, dico la spyderco, perchè è una di quelle che credo chiunque qua dentro abbia sperimentato o visto quanto sia vero in prima persona, ma potrei fare altri esempi notoriamente difettosi... vg10, aus8 della cold steel, A2 della bark river, acciai cagate cinesi della gerber, schrade; cpms90v da incubo, esee piegati, kabar spezzati e così via. Non sarà sempre il tt per carità, però mi sembra una componente molto rilevante in diverse sminchiature.
Connesso
Chi non ha visto il calar della notte non giuri d'inoltrarsi nelle tenebre. (Elrond)
Poiché i consigli sono doni pericolosi, anche se scambiati fra saggi, e tutte le strade possono finire in un precipizio. (Gildor)

drieu

  • sgresenda
  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 2910
  • Andrea
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #47 il: 04 Dicembre 2018, 09:38:32 »


aggiungo un paio di considerazioni
la differenza di hrc non dipende solo (o meglio: non soltanto) dal T del forno della tempra e dalla collocazione delle lame al suo interno
variazioni significative, a volte, possono derivare dalla colata dell'acciaio
chiunque avrà notato che le specifiche di un tipo di acciaio hanno range, a volte significativi, delle percentuali, per esempio, di carbonio o di cromo, a seconda del produttore
mentre nell'ambito dei TT altra variabile da considerare, come mi faceva notare Filippo, è lo spegnimento
considerate una rastrelliera di lame uscite dal forno di tempra con qualche centinaio di pezzi
non è pensabile che tutte le lame tocchino contemporaneamente il liquido di spegnimento che, ovviamente, sarò molto più caldo al momento dello spegnimento delle ultime lame
Connesso
si hic sunt leones, ubi oves?

"scolta, toso..." (Falier)

"Essere attuali è, in fondo, una disfatta spirituale" (Emil Cioran)

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità, ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede" (Ernst Jünger)

Bad

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 34
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #48 il: 04 Dicembre 2018, 22:40:06 »

Con tutte queste variabili finisce allora che è meglio comprarsi un coltello cinese, a cosa servirebbe se no comprare un coltello da 200 euro per non avere neanche la garanzia dell'acciaio??
Domanda provocatoria eh!! */*::
Connesso

Trekker

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 905
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #49 il: 05 Dicembre 2018, 17:41:52 »

Con tutte queste variabili finisce allora che è meglio comprarsi un coltello cinese, a cosa servirebbe se no comprare un coltello da 200 euro per non avere neanche la garanzia dell'acciaio??
Domanda provocatoria eh!! */*::

Mica tanto...

Attorno ai 200 € si comincia ad essere nell'ambito dei custom e allora personalmente mi orienterei su quello: un unico pezzo, temprato a dovere con tutti i crismi.
Connesso

Giolli Joker

  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 2369
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #50 il: 05 Dicembre 2018, 18:32:38 »

Attorno ai 200 € si comincia ad essere nell'ambito dei custom e allora personalmente mi orienterei su quello: un unico pezzo, temprato a dovere con tutti i crismi.

Chi te lo assicura?
Un-azienda puo' in realta' fornire piu' garanzie...

So di qualcuno che con un Terzuola...

drieu

  • sgresenda
  • UTENTE ANZIANO
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 2910
  • Andrea
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #51 il: 05 Dicembre 2018, 18:53:32 »

io ho avuto solamente una brutta esperienza con un coltello custom con lama forgiata da una vecchia lima
per usare un garbato eufemismo, il trattamento termico è stato fatto "a cazzo di cane", col risultato che ho un bel coltello che praticamente non può essere affilato come si deve

Nella produzione industriale, anche di alto livello, nonostante la standardizzazione dei TT, ci può scappare l'esemplare sfortunato e a volte l'intero run. I controlli di qualità dovrebbero minimizzare questo rischio, ma quando si parla di centinai di esemplari prodotti per volta, i controlli, ammessi che vengano eseguiti, sono a campione. E' finita da un pezzo l'epoca dei Puma testati e certificati uno per uno.
Connesso
si hic sunt leones, ubi oves?

"scolta, toso..." (Falier)

"Essere attuali è, in fondo, una disfatta spirituale" (Emil Cioran)

"Io sono Anarca non perché disprezzi l'autorità, ma perché ne ho bisogno. Così, non sono nemmeno un miscredente, bensì uno che esige cose degne di fede" (Ernst Jünger)

Bad

  • NUOVO UTENTE
  • *
  • Offline Offline
  • Post: 34
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #52 il: 05 Dicembre 2018, 19:42:58 »

Con tutte queste variabili finisce allora che è meglio comprarsi un coltello cinese, a cosa servirebbe se no comprare un coltello da 200 euro per non avere neanche la garanzia dell'acciaio??
Domanda provocatoria eh!! */*::

Mica tanto...

Attorno ai 200 € si comincia ad essere nell'ambito dei custom e allora personalmente mi orienterei su quello: un unico pezzo, temprato a dovere con tutti i crismi.
Oddio, mi pare che ormai gli industriali si avvicinino molto facilmente ai 200 euro, e i custom a quel prezzo non siano tanti, e tantomeno affidabili.
Connesso

Trekker

  • ***
  • Offline Offline
  • Post: 905
Re:MINI SCANDI FOLDER 4.0
« Risposta #53 il: 06 Dicembre 2018, 12:14:29 »

Ma che razza di coltellinai conoscete?!?   ???  */*::
Connesso